Network marketing come iniziare senza soldi

Scritta network marketing

La prima cosa da considerare quando si inizia un network marketing è proprio quella di come iniziare. Ma prima di trattare questo argomento, dobbiamo togliere dalla mente delle persone l’idea che il network marketing sia quella cosa che fa arricchire velocemente. Si tratta di un lavoro come gli altri. Dove alle volte certuni arrivano a livelli straordinari. Ma sappiate che questa non è la regola. Dall’altro lato bisogna dire che vi sono tante persone che concentrandosi sull’attività di networker, riescono a portare a casa un compenso decoroso. Un’altra cosa da dovere prendere in considerazione, è il fatto che non bisogna assolutamente rivolgersi a una marca con grandi investimenti iniziali. L’investimento con cui dover iniziare il network, è intorno ai 50 euro. Se vi chiedono di più, lasciate perdere. Perché infatti è molto labile il limite che passa fra multi level marketing e catena di Sant’Antonio o sistema piramidale.

Persone a un meeting

Network marketing come iniziare con poco

Normalmente si parla male di questo lavoro, perché la quantità di insuccessi è veramente notevole. Ma questo è da imputare a due fattori: il fatto che trattandosi di un investimento sempre relativamente piccolo, molte delle persone che partecipano al’iniziativa commerciale lasciano perdere subito; il secondo fattore è quello che ci si concentra spesso nella vendita del prodotto, mentre nella rete di networkers è fondamentalmente la realizzazione di una struttura di collaboratori/clienti. Il collaboratore deve essere il cliente. Che fa autoconsumo. In merito a questo argomento vale la pena di considerare le parole di Roberto Barbatiello. Lui dice che bisogna organizzare una struttura di consumatori, che consumino il prodotto dell’azienda essendo networkers. Chiaramente stiamo parlando di prodotti di consumo immediato. Una alternativa a questo argomento può essere quella che nasce con il franchising digitale. Non è un vero e proprio network. Perché non ha la struttura in profondità. Ma consente di avere una propria agenzia con dei collaboratori.

Persone che si stringono la mano

L’alternativa di Franchising Click

Quando si parla di franchising digitale, Parliamo dell’esempio di Franchising Click. Non si tratta di un network marketing. Perché si può aprire un’agenzia, che abbia dei subagenti. Con i subagenti, che abbiano a loro volta dei collaboratori. Ma vi è la possibilità di aprire più agenzie sul territorio, anche in collaborazione con i propri  subagenti e collaboratori. Quindi non possono avvenire quegli arricchimenti di cui parlavamo nel network di rete. Ma si possono portare a casa risultati molto importanti. Consideriamo per esempio che McDonald’s aveva a Milano un concessionario con ben 5 ristoranti. Arrivare quindi a ottenere un reddito anno di circa mezzo milione di euro, comunque non è disprezzabile. Certo, il network marketing puro è un’altra cosa. Ma bisogna anche fare delle considerazioni sulla fattibilità. Ritorniamo a quello che ci ha detto Roberto Barbatiello. Gli altri metodi purtroppo non danno frutti nel lungo periodo.

Continua a leggere